SARA ARESE – Make Up Artist

Sono diventata make up artist in età adulta, dopo esperienze professionali diverse e, se mi guardo indietro, vedo un fil rouge di scelte non fatte che mi avrebbero comunque portata in questa situazione. Da bambina desideravo diventare una parrucchiera; da ragazzina tentavo di riprodurre i trucchi visti sulle riviste femminili; avrei voluto laurearmi in chimica per andare a lavorare in un laboratorio cosmetico a Parigi, anche se poi scelsi l’università e la pallavolo a livello professionistico.

Ho sempre avuto la passione per i colori applicati all’armonia dei tratti femminili così, quando a un certo punto della vita mi sono trovata a dover ricominciare, ho investito su me stessa. Mi sono iscritta in una accademia e conseguito una qualifica professionale. In questo modo ho trovato la mia dimensione. Con le donne ho trovato una buona empatia e penso che la nostra eleganza possa emergere anche grazie al trucco.

La mia cliente ideale non vuole diventare un’altra persona, ma lasciar emergere la parte migliore di sé. Truccarsi non è una mascherata: la differenza tra il prima e il dopo è una pennellata di bellezza che enfatizza e migliora i tratti. Mi piace molto lavorare sui volti più maturi, con le loro “linee di vita vissuta” perché, enfatizzandone l’armonia, pongo in risalto la loro storia personale.

Le donne che si rivolgono a me desiderano essere accolte e capite. Spesso mi metto nei panni delle clienti perché mi è capitato di sentirmi inadeguata. Così, attraverso il make-up, un elemento apparentemente superficiale, posso dare un contributo alla loro vita, anche insegnando loro a valorizzarsi con lezioni di self-make up. E a chi pensa di non essere portata o di non riuscirci dico sempre: “La prima volta ci provi e la seconda ci riesci”.

Contact: saraarese@libero.it