GIOVANNA GIORDANO – Informatica

“Esageruma – Un sogno per Torino” nasce dall’esigenza di parlare di politica con attenzione ai contenuti. Penso sia necessario realizzare oltre che fantasticare, così mi sono chiesta che cosa farei in modo concreto per la città di Torino, partendo dalla realtà che ci circonda.

Con questo pensiero ho coinvolto Chantal Balbo nella stesura di un libro che mantenesse tale premessa. È stato un lavoro a quattro mani, partendo da dati reali e verificabili, con l’intento di rendere fruibili a tutti anche gli aspetti più tecnici dei temi affrontati. Su questa base abbiamo poggiato delle idee concrete per realizzare quanto pensiamo sia opportuno e meglio fare per la nostra città. Parliamo di opportuno perché guardiamo ciò che già esiste e va ampliato; intendiamo il meglio pensando alla convivenza sociale, all’integrazione, alla riduzione delle disuguaglianze. Nel libro abbiamo anche raccolto testimonianze di torinesi di ambiti diversi, perché abbiamo l’aspirazione di aprire al dialogo e al confronto sui contenuti che riguardano il quotidiano di tutti.

Dopo il liceo classico, la mia formazione è stata di tipo scientifico, così penso che sia necessario dare sempre una struttura alle cose che si progettano. La politica mi è sempre interessata poiché condiziona in qualche modo il nostro vivere. Non ho mai ricoperto ruoli politici, ma nel 2018, quando la città fu dichiarata No TAV, ho sentito il bisogno di impegnarmi attivamente. Ho creduto fosse arrivato il momento di unirsi e mobilitarsi per il progresso cittadino e quindi ho aperto il gruppo “Sì, Torino va avanti”. L’adesione è andata oltre le aspettative e raccoglieva la voglia di riscatto di una città in stallo.

Lo spirito era fare qualcosa di attivo, così “Esageruma”, il libro, è figlio di quell’esperienza e della consapevolezza acquisita in questi anni. Restituisce il fermento ancora vivo nelle persone che desiderano spendersi per Torino e migliorarla.

Per acquistare il libro sul sito Neos Edizioni > clicca qui