ELISABETTA CARELLO – Consulente finanziario

Nel 2000 ho iniziato il lavoro di consulente finanziario per caso, chiacchierando con una signora della banca dove avevo il conto corrente. Era il tipo di lavoro che desideravo fare, invece questa signora ha visto del potenziale in me e mi ha messo in contatto con persone del settore. Li ho incontrati e, poiché non dovevo fare investimenti economici, ho accettato la loro proposta. Ho studiato e superato l’esame di stato, quindi mi sono iscritta all’albo della Consob. Così è iniziata la mia professione in uno dei peggiori periodi per la finanza mondiale. Era il 2001, ci sono state le Torri Gemelle, la guerra in Iraq, il crollo delle borse e lo scoppio della bolla delle aziende del settore Hi-Tech. Mi sono fatta le ossa e superato quel momento drammatico.

Negli anni ci sono state molte trasformazioni economico-finanziarie e il mio percorso di consulente ha seguito gli sviluppi ma, nonostante l’avvento del web, per me resta importante il contatto diretto col cliente, conoscere la sua storia e capire perché mi sta affidando il suo capitale. Il web rende tutto distaccato, invece è sempre fondamentale comprendere le esigenze personali legate agli investimenti. Dietro ci sono dei progetti futuri, delle necessità tangibili, e allora bisogna fare delle valutazioni attente per consigliare ciò che è giusto per il cliente.

Non sono interessata alla speculativa compravendita di azioni; mi preoccupo di costruire un rapporto col cliente e di intraprendere una lunga strada insieme. Convincere il cliente per me significa “vincere con” lui, ovvero percorrere un cammino comune e raggiungere gli obiettivi concordati. Anche quando le cose non funzionano come ipotizzato. A quel punto è importante il rapporto di fiducia che si è costruito, magari in vent’anni di rapporto.

Questa mia inclinazione mi ha spinto ad approfondire campi lontani dalla finanza, come il coaching e la PNL, per poter stare ancora più accanto al cliente e interpretare meglio le sue esigenze. Allo stesso tempo, questo nuovo percorso mi ha aiutato a focalizzare meglio ciò che desideravo dal mio lavoro e da poche settimane sono entrata in Azimut Holding, società dedicata alle sole consulenza e gestione patrimoniale. È una realtà in cui mi riconosco e dove so che i miei clienti, presenti e futuri, potranno avere il meglio dai loro investimenti.